Stefania Consonni, dottore di ricerca in Teoria e Analisi del Testo, svolge ricerca post-dottorato presso l’Università di Bergamo. Si interessa di teoria della letteratura, della critica e delle arti visive; di narrativa ed estetica del Settecento inglese; di narrativa britannica e anglo-americana contemporanea; di narratologia e storia del romanzo. Ha pubblicato Linee, intrichi, intrighi (Genova: ECIG, 2003), sull’estetica di William Hogarth e del Settecento inglese, e alcuni saggi sulle forme narrative anglo-americane moderne e contemporanee. Sta completando Geometrie del tempo, un volume sulle configurazioni spazio-temporali nelle trame settecentesche.